Agevolazioni acquisto prima casa - Studio notaio Todeschini Premuda

Agevolazioni prima casa

Per chi acquista un’abitazione e vuole fruire delle agevolazioni della prima casa una delle condizioni richieste è quella di non essere proprietario (o titolare di altri diritti reali) su altra abitazione che si trova nello stesso Comune o di altra abitazione acquistata con le agevolazioni della prima casa ovunque questa si trovi in Italia.

Fino allo scorso anno tale situazione doveva sussistere già nel momento in cui si sottoscriveva il rogito di acquisto della nuova abitazione.

Questa condizione comportava spesso dei problemi per chi intendeva cambiare la sua abitazione, sia per la difficoltà di conciliare le esigenze ed i tempi per perfezionare la vendita della vecchia casa con quelle relative all’acquisto della nuova, sia per la difficoltà di coordinare il trasloco nella casa nuova con la consegna all’acquirente della vecchia abitazione.

Dal 1° gennaio di quest’anno è stata approvata una modifica alla legge ed ora si può ugualmente fruire delle agevolazioni, anche se si è ancora intestati sulla vecchia, purchè questa venga venduta entro un anno dall’acquisto della nuova.

L’Amministrazione finanziaria ha poi precisato che anche la norma che riconosce un credito di imposta al contribuente che entro un anno dalla vendita di un’abitazione acquistata con le agevolazioni della prima casa acquisti una nuova “prima casa” va interpretata in coerenza con le motivazioni della riforma – che ha inteso agevolare la sostituzione della prima casa – e quindi il credito di imposta può essere riconosciuto anche in riduzione dell’acquisto della nuova purchè la vecchia venga venduta entro un anno da tale acquisto.

Questo, anche se non risolve tutti i problemi, certamente aiuta a superarne più di uno.

 

0 commenti

Lascia un Commento

Want to join the discussion?
Feel free to contribute!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *