PRESTITO VITALIZIO IPOTECARIO

Anche se per ora non ha trovato significativa applicazione pratica, può essere utile saper cosa sia il prestito vitalizio ipotecario, pensato soprattutto per venire incontro alle esigenze di persone anziane che abbiano limitate, insufficienti disponibilità e la proprietà della casa di abitazione.

Gli aspetti più rilevanti di questa forma di finanziamento si possono così sinteticamente elencare:

  • Il finanziatore deve essere una banca o altro istituto autorizzato
  • La persona finanziata deve avere un ‘età superiore a 60 anni
  • Il finanziamento non ha una scadenza predefinita: la sua durata coincide infatti con la vita della persona finanziata. Il capitale finanziato dovrà quindi essere rimborsato in unica soluzione alla scadenza finale
  • Per il pagamento degli interessi e delle spese la persona finanziata può scegliere se provvedere gradualmente nel corso nel corso della durata del mutuo, oppure se capitalizzare gli interessi ed effettuarne il rimborso unitamente al capitale originariamente finanziato
  • Il finanziamento deve essere garantito da ipoteca su un immobile residenziale, preferibilmente ma non necessariamente di proprietà della persona finanziata
  • Gli eredi, alla scadenza del mutuo possono o rimborsare alla banca quanto dovuto alla scadenza e diventare proprietari dell’immobile libero dall’ipoteca, oppure concordare con la banca di essere autorizzati a vendere l’immobile e rimborsare la banca con il ricavo dalla vendita. Se non trovano acquirente entro un anno, la banca potrà provvedere essa stessa a vendere l’immobile a prezzo fissato in base a stima di un tecnico indipendente, e che si riduce annualmente. Se il ricavo dalla vendita eccede il credito della banca la differenza sarà data agli eredi, se sarà inferiore la banca comunque non potrà chiedere agli eredi di pagare la differenza.

Questo nuovo tipo di finanziamento presenta indubbiamente degli spunti interessanti, ma anche per la sua novità necessita di un esame particolarmente approfondito delle condizioni che la banca vorrà proporre, e sulle possibili conseguenze.

0 commenti

Lascia un Commento

Want to join the discussion?
Feel free to contribute!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *